Aree di trattamento

Approfondimento:
Emorroidi

Le emorroidi vengono classificate in 4 gradi. Nelle emorroidi di primo grado i vasi emorroidari dilatati e infiammati rimangono localizzati all’interno del canale anale. Nelle emorroidi di secondo grado durante la defecazione avviene la fuoriuscita dei vasi emorroidari dall’orifizio anale: tale fuoriuscita si riduce spontaneamente alla fine dello sforzo effettuato per la defecazione.
 
Nelle emorroidi di terzo grado la fuoriuscita dei vasi emorroidari durante la defecazione non si riduce spontaneamente alla fine della defecazione, ma necessita di manovre manuali. Infine, nelle emorroidi di quarto grado i vasi emorroidari sono in permanenza al di fuori dell’orifizio anale e non è possibile riportarli all’interno del canale anale.
 
Se non trattate adeguatamente, le emorroidi possono andare incontro a complicazioni: la più frequente è la perdita di sangue, che può portare il paziente a una progressiva anemizzazione. Possono inoltre verificarsi tromboflebiti (infiammazioni delle vene emorroidarie con formazione di trombi). Le emorroidi possono inoltre infettarsi, dando luogo alla formazione di fistole o ascessi con formazione di pus. Infine, le emorroidi voluminose possono strozzarsi o trascinare all’esterno la parete del retto.
 
Per tutti questi motivi è importante non sottovalutare la patologia emorroidaria, iniziando precocemente un trattamento con farmaci antinfiammatori e antidolorifici, solitamente in grado di attenuare rapidamente i sintomi.

Sezione principale

Per tornare al documento principale: clicca qui.