Aree di trattamento

Stress, nervosismo e tensione. L’impatto sulle riserve di magnesio.

La vita moderna ha portato notevoli comodità: in media oggi conduciamo stili di vita più sedentari e meno logoranti sotto il profilo fisico. Contemporaneamente siamo anche sottoposti a molti più stimoli emozionali, relazionali e sensoriali. Impegni, responsabilità e pressioni, in ambito lavorativo e familiare, obbligano spesso a un utilizzo eccessivo di risorse fisiche e mentali. 

Il sovraccarico di stress può portare ad una sensazione persistente di disagio che nel tempo può accumularsi e accompagnarsi a tensione, insonnia, irritabilità e nervosismo. Questi sintomi, sia di tipo fisico sia mentale, rappresentano il segnale evidente di un disequilibrio. Un classico esempio è l’eccessiva reattività a stimoli sensoriali: quegli scatti improvvisi al tocco di una persona o per un rumore forte, che descriviamo con l’espressione "avere i nervi a fior di pelle".

Al di là delle concause di origine psicologica, è possibile che lo stato alterato di stress sia legato ad una riduzione delle riserve di magnesio. Il magnesio contribuisce al corretto funzionamento del sistema nervoso, favorendo la trasmissione degli stimoli nervosi. Stati di stress e squilibrio possono determinare una riduzione delle riserve di magnesio nel nostro organismo e questa carenza può portare come conseguenza un’ulteriore compromissione delle funzioni fisiologiche in cui interviene il magnesio.

Una dieta equilibrata e uno stile di vita sano possono riequilibrare le riserve di magnesio e riportare il benessere necessario. L'importante è intervenire prima che lo stress diventi cronico e possa portare, in alcuni casi, allo sviluppo di importanti sintomi ansiosi o di una sindrome depressiva. Per una rapida integrazione di magnesio è possibile ricorrere ad un integratore come Magnosol fast, che in comode bustine orosolubili può essere assunto in qualunque momento della giornata, per un valido apporto di magnesio.